RSS

Archivi tag: #surreale

Momenti di conflitto

Questo è un sogno ricorrente, uno di quelli che mi capita di fare nei momenti di conflitto, quando lo stress prende il controllo delle mie facoltà mentali.

Guerra

Mi trovo nel cortile di casa mia. Il palazzo grigio dietro di me, il manto erboso con il solito campo da calcio davanti ai miei occhi.
La peculiarità della zona in cui risiedo è quella di essere un parco. Un posto molto ampio, con una lunga fila di alberi al centro della via e qualche pino agli angoli.
Non c’è nessuno in giro, ma il cielo è limpido, azzurro intenso e il sole è molto caldo e luminoso. Una giornata così gradevole da sembrare innaturale.
Comincio a camminare lungo il viale che porta alla statale e collega tutti i paesini limitrofi a Milano. La via Novara.
Anche fra le viuzze da cui sporgono le villette non compare nessuno.
Sembra l’ora di pranzo della domenica.

Tutto a un tratto il cielo comincia a scurirsi. Lungo l’orizzonte un manto nero, corposo e lampeggiante si fa strada sopra ogni cosa: i tetti delle case, i lampioni, le strade, la mia testa.
Tutto diventa buio, come di notte durante un temporale.
E la tempesta arriva.
Comincia a piovere, qualche goccia leggera che pian piano si allarga e intensifica. Il vento sradica i rami degli alberi, li prosciuga delle loro foglie.
Lo scroscio della pioggia non è come l’applauso di cui parlava D’Annunzio.
Ha qualcosa di sinistro, un fischio che diventa via via più forte. Il rumore di una bomba che sta per impattare al suolo.
Poi l’allarme, quello antiaereo.
E iniziano i colpi di fucile.
Le persone escono dalle case, scappano, urlano mentre nella via cominciano a farsi largo degli uomini in divisa con in braccio un fucile a baionetta.
Hanno delle maschere antigas che coprono il volto, non sembrano umani. Occhi di vetro neri, opachi, dai quali non riesci a percepire alcuna umanità.
Donne e bambini vengono falciati dalle mitragliatrici.
Un aereo poi, sopra tutti gli altri, molto più ampio, inizia a sganciare grossi barili marroni che, cadendo al suolo, rilasciano gas nervino.
Cerco in tutti i modi di nascondermi, di coprirmi la bocca con una sciarpa, un fazzoletto o una manica. Ma non ci riesco. Allora trattengo il respiro, gonfio i polmoni e corro verso casa.
Trovo la mia cantina, provo ad aprirla ma è chiusa con un lucchetto.
Cerco la chiave, ma non la trovo.
Non riesco a ripararmi, le bombe continuano a cadere e nel momento in cui tento di tornare di sopra, nella mia stanza, il mio palazzo cambia continuamente configurazione e mi perdo in un labirinto che ha le stesse mura di casa mia. Solo, non finiscono mai.

 
2 commenti

Pubblicato da su 24 luglio 2015 in Grotta degli incubi

 

Tag: , , , , , , , , ,

Recensione: Enrico Bosio – Zita – Ottolibri edizioni

Recensione: Enrico Bosio – Zita – Ottolibri edizioni

Ottolibri Edizioni è una piccola casa editrice nata l’anno scorso. Pubblica otto libri di narrativa e otto di saggistica all’anno e i suoi volumi si possono trovare sia in e-book sia in cartaceo su portali come Amazon o Ibs.
Mi ha incuriosito da subito la copertina, disegnata da Stefania Morgante. Da lì a leggere la trama e, successivamente, comprarlo, il passo è stato molto breve.

Trama: Il libro – romanzo d’esordio dell’autore Enrico Bosio – parla di Zita, una talentuosa attrice dai capelli rossi che dirige, assieme alla sua numerosa famiglia, un’agenzia di scherzi. Zita vivrà un’avventura fuori dall’ordinario e incontrerà, nel corso della narrazione, molti personaggi surreali.

Analisi: Il libro è un romanzo breve che ricorda da vicino autori come Italo Calvino e il suo Marcovaldo o personaggi come quelli creati da Dino Buzzati ne Il segreto del Bosco Vecchio. Si potrebbe dire quasi una fiaba per adulti. Zita è una ragazza effervescente, lunatica, caparbia. Possiede un fascino e un magnetismo fuori dal comune – una specie di Pippi Calzelunghe per certi versi.
È alla ricerca di qualcosa, di un senso della vita forse o di un riscatto.
La narrazione è molto sciolta, il linguaggio informale rende il romanzo subito comprensibile e accattivante nonostante l’estremo surrealismo delle vicende.
Insomma, una piacevole lettura in grado di trasportare il lettore fuori dalla realtà.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 12 dicembre 2014 in Recensioni - Libri

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Recensione: Franz Kafka – La metamorfosi

Inizio subito dicendo che sono di parte. Franzk Kafka è così reale da entrarti dentro per effetto osmosi. Come sarà successo a molti di voi, Kafka l’ho incontrato a scuola. Se ne stava nascosto fra le pagine, timido timido e un po’ miserabile.
Franz Kafka Nacque a Praga nel 1883 e morì di tubercolosi a Kierling nel 1924. In vita, molte delle sue opere non furono mai pubblicate. Persona molto angosciata, soffrì di anoressia nervosa e disturbo ossessivo compulsivo. I suoi scritti – per alcuni critici molto vicini a quella corrente di pensiero che sarà definita in seguito esistenzialismo – riflettono le sue ansie e il suo punto di vista nei confronti della condizione umana.
La metamorfosi è un libro da leggere quando si ha il punto di vista giusto per farlo. A metà fra surrealismo e realismo magico, racconta la storia sfortunata di Gregor Samsa – pseudonimo che ricorda non poco il nome del suo autore – alle prese con un evento totalmente inaspettato.
Una mattina come tante altre, Gregor Samsa, un commesso viaggiatore che lavora per mantenere la sua famiglia, si risveglia trasformato in un gigantesco e ripugnante insetto.
Da questo momento dovrà fare i conti con la sua nuova condizione e con le reazioni avverse dei suoi familiari.
Questo libro è in grado di delineare tutti gli aspetti psicologici e relazionali di Kafka. Il difficile rapporto con il padre, il senso di alienazione e angoscia.
L’autore prende una famiglia normale, una persona normale e, invece di trasformare il tutto o far evolvere gli eventi emozionali secondo le normali logiche umane, mette in piedi una situazione immaginifica e allegorica. La metafora del diverso; ripudiato, odiato ed emarginato.
Non esiste via di fuga per il protagonista, al contrario, può solo fare i conti con la propria condizione, accettarla così com’è e mettersi il cuore in pace.
L’evoluzione, in questo libro, risiede nel processo di spersonalizzazione nel quale Gregor Samsa – che in un certo senso rappresenta l’individuo emarginato – viene risucchiato.
Sentirsi diverso, essere ripudiato e lasciato solo. Il senso di claustrofobia (psicologica soprattutto) metaforizzato dal fatto che Gregor Samsa non lascia mai la propria stanza.
Elementi che concorro tutti nel rendere il grottesco una situazione reale e sentita nel lettore, una condizione sempre presente e pronta a emergere.
Non esiste un lieto fine, non troverete un finale aperto alle interpretazioni.
Più la narrazione procede, più comincerete a odiare Gregor Samsa più dei suoi stessi genitori. Kafka riesce a far sentire al lettore tutto il peso della sua condizione.
E’ come leggere una lenta e dolorosa agonia, e sapere già che non vi sarà via d’uscita se non la morte. Lo sappiamo, appena Gregor Samsa si risveglia da insetto, che morirà di lì a poco. Eppure non riusciamo a fare a meno di arrivare fino alla fine proprio perché non possiamo andare contro le logiche della condizione umana.
L’uomo si fa granello di sabbia, debole, piccolo e insignificante. E attraverso questo racconto Franzk Kafka ce lo fa capire, dimostrando che, messi a confronto con la vita, siamo tutti un po’ miserabili.
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 1 marzo 2014 in Recensioni - Libri

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

 
Il Giappone di Coco-Social blog:cultura,lingua,news of Japan

Ciao! sono Coco, impara la lingua conoscendo la cultura con me!

the shelter of books

"Il futuro appartiene a chi crede nella bellezza dei propri sogni" E. Roosevelt **//INTERNATIONAL LETTERAR BLOG// ***//BLOG INTERNACIONAL LITERARIO //***

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Cogito Ergo Leggo

Leggere fa bene allo spirito!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Fragorosa-Mente

La mia mente è sempre in movimento, gira gira gira... e poiché zitta non riesco a stare, almeno devo scrivere!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre