RSS

Recensione: Jean-Marc Vallée – Dallas Buyers Club

07 Mar
Recensione: Jean-Marc Vallée – Dallas Buyers Club
Trama: Tratto da una storia vera, il film narra la vicenda di uomo di origini texane – Ron Woodroof – dedito a una vita di sregolatezze fra donne, alcool e droga. Un giorno, senza saperne nulla, scopre di aver contratto il virus dell’HIV e da quel momento la sua vita prende una piega diversa. Siamo negli anni ’80, più precisamente nell’arco di tempo che va dal 1985 al 1988. Il virus dell’Aids si espande, è sconosciuto, fa paura e si crede che solo tossici e omosessuali possano contrarlo.
Gli viene dato un mese di vita. Sente parlare di un farmaco ancora in fase di studio, l’AZT.
Non essendo Ron incluso nel programma di sperimentazione, decide di procurarselo da solo. Non conoscendo natura e dosaggi del farmaco, in poco tempo rischia di morire e finisce per ritrovarsi in un ospedale in Messico, gestito da un medico radiato dall’albo che gli offre una cura alternativa a base di Peptide T, una proteina innocua, ma non approvata dalle case farmaceutiche.
Tre mesi dopo Ron si è ripreso, si sente meglio e decide quindi di importare illegalmente la cura negli Stati Uniti. Si apre così un giro d’affari nei quali i farmaci e i cocktail scoperti dal medico in Messico, vengono importati e somministrati ai malati gratuitamente tramite l’associazione che Ron, con l’aiuto di Rayon – una transgender anche lei malata – ha costituito: la Dallas Buyers Club. Sotto un corrispettivo di 400 dollari di iscrizione alla sua associazione, Ron fornisce tutti i farmaci che riesce a procurarsi oltre il confine. Ma non sarà una cosa facile.

Analisi: Un film abbastanza controverso in quanto non del tutto veritiero, a partire dal protagonista: Ron Woodroof. Si dice sia tratto da una storia vera e in effetti il personaggio di Matthew Mcconaughey è realmente esistito, al contrario del transessuale interpretato da Jared Leto che risulta di pura invenzione. Il regista in merito ha affermato che il personaggio di Leto racchiude un po’ tutte le storie degli uomini, donne, gay, lesbiche e transessuali che gravitavano attorno all’associazione Dallas Buyers Club. Ron Woodroof invece si diceva fosse omosessuale, di certo non omofobo; molti conoscenti si sono lamentati di come è stato ritratto nel film. Ron Woodroof non ha mai parlato apertamente della sua sessualità e perfino sua moglie ha ammesso che, con ogni probabilità, fosse dichiaratamente bisessuale. Il farmaco AZT, inoltre, negli anni si è dimostrato efficace nella lotta all’AIDS, ponendo le basi per gli anti retrovirali oggi comunemente utilizzati. Anche in questo caso, il medico messicano venne radiato dall’albo e gran parte, se non tutti, i farmaci e le cure alternative non approvate negli USA e che il personaggio di Woodroof (Matthew Mcconaughey) introduceva illegalmente, nel tempo si sono dimostrati inefficaci.
Insomma, un film che, nonostante la candidatura a 6 Oscar e l’ottima interpretazione di Mcconaughey, è da prendere con le pinze.
Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 7 marzo 2014 in Recensioni - Film

 

Tag: , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Il Giappone di Coco-Social blog:cultura,lingua,news of Japan

Ciao! sono Coco, impara la lingua conoscendo la cultura con me!

the shelter of books

"Il futuro appartiene a chi crede nella bellezza dei propri sogni" E. Roosevelt **//INTERNATIONAL LETTERAR BLOG// ***//BLOG INTERNACIONAL LITERARIO //***

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Cogito Ergo Leggo

Leggere fa bene allo spirito!

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Fragorosa-Mente

La mia mente è sempre in movimento, gira gira gira... e poiché zitta non riesco a stare, almeno devo scrivere!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: