RSS

Qual è il tuo sogno più grande?

27 Feb

Questo pomeriggio ho fatto un sogno molto particolare. Lo faccio da quando sono bambino, ma questa volta aveva alcuni dettagli in più.

Mi trovavo in uno studio di registrazione. Avevo una chitarra fra le mani e sentivo la presenza di due amici. Volevamo registrare un disco, così loro due cominciarono a suonare per primi – basso e batteria.
Quando arrivò il mio turno, gli strumenti non funzionavano, la chitarra gracchiava come una rana e il produttore continuava a dirmi cosa fare.
Così decisi di lasciar perdere e tornare un altro giorno.
Uscii.
Era pomeriggio inoltrato e guardando l’orologio notai di essere in ritardo per la cena. Mentre camminavo lungo il marciapiede, un tizio diede un calcio a un animale – forse un tasso o un riccio – e quello andò a colpire il ramo di una palma che cresceva come un cespuglio. Il ramo si spezzò e sia quello che il tasso/riccio mi guardarono e scapparono via.
Contemporaneamente mi accorsi di aver dimenticato il maglione in studio.
Tornai dentro.
C’erano alcune persone nella sala d’attesa, ma non feci caso alla loro presenza. Cercai quel maledetto produttore e soprattutto il mio maglione, ma non riuscii a trovarli.
Anzi, più mi addentravo, più l’edificio si espandeva, rigurgitava stanze, corridoi con pavimenti in moquette blu e pareti bianche.
Finii per ritrovarmi in un’aula simile a quelle universitarie: enorme, piena di sedie e con un proiettore spento in fondo alla sala. Una donna, sulla quarantina, capelli ricci e neri, mi fissava così come si guarda una cosa messa nel posto sbagliato.
Me ne andai. O perlomeno ci provai.
Passai da un corridoio all’altro e più andavo avanti, più questi tunnel diventavano trasparenti, ovali e simili alla plastica.
Raggiunsi il giardino. Vidi il cielo, era azzurro come un lapislazzuli. C’erano una moltitudine di persone, uomini e donne vestiti come se lavorassero per una multinazionale.
Salivano delle scale di vetro con dei cordoli di sicurezza, l’acqua gli arrivava alle caviglie.
Mi resi conto che anche io avevo i piedi immersi nell’acqua e mi trovavo in una delle piscine che salivano sempre più in alto attraverso quelle scale fatte a bacinelle, tutte colme d’acqua trasparente.
Provai a seguirli, ma non riuscivo a reggermi in piedi perché le piscine erano rialzate di parecchi metri rispetto al livello della strada ed erano inclinate di circa trenta gradi. Avevo paura di scivolare e cadere da chissà quale altitudine.
Non riuscivo a capire come facesse l’acqua a rimanere ferma.
A un certo punto trovai una via d’uscita: si trattava del cornicione di una casa, o almeno credo.
Credo, perché la prima cosa che mi dissi appena misi piede sopra quel letto d’erba verde fu: “Come ci sono arrivato qui?”
Guardai giù. Era molto più alto di quello che pensavo ed era pieno di bambini a terra. In alto, invece, gli adulti continuavano a salire.
Iniziai ad aver paura, la terra del cornicione cominciava a sgretolarsi.
Provai a tornare indietro, a ritornare sui miei passi e a vedere se c’era qualche via di fuga laterale, dato che il cornicione finiva in una gola dalla quale spuntavano alberi altissimi. Di fronte c’era un cortile e un condominio, i bambini giocavano dappertutto.
Nel tornare indietro la terra cominciò a trasformarsi, oltre che a sgretolarsi. I fili d’erba sfiorivano in enormi cuscini bianchi e nel punto in cui avevo cominciato a camminare, spuntarono delle piccole casette di legno sorrette da molle che dondolavano a destra e a sinistra. Un po’ come i giochi per bambini a forma di moto o di macchina nei parchi comunali.
In qualche modo riuscii a scendere, aprii la porta togliendo la serratura da una di quelle casette e mi ritrovai davanti due bambine un po’ cicciottelle, vestite di verde e con delle piccole ali trasparenti dietro la schiena. Erano folletti e anche loro mi guardavano scambiandosi occhiate come per dire: “Ma che ci fa lui qui?”

Poco dopo la pioggia mi svegliò.

“La grotta dei sogni è la fine di un tunnel nel quale il Bruco cataloga e ripone tutti i suoi sogni, quelli belli, fantasiosi e sereni.”

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 febbraio 2014 in Grotta dei sogni

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Il Giappone di Coco-Social blog:cultura,lingua,news of Japan

Ciao! sono Coco, impara la lingua conoscendo la cultura con me!

the shelter of books

"Il futuro appartiene a chi crede nella bellezza dei propri sogni" E. Roosevelt **//INTERNATIONAL LETTERAR BLOG// ***//BLOG INTERNACIONAL LITERARIO //***

vibrisse, bollettino

di letture e scritture a cura di giulio mozzi

Cogito Ergo Leggo

Leggere fa bene allo spirito!

Ali di pergamena

"Leggi un libro e vivrai un'avventura, scrivilo e la tua vita lo diventerà".

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Fragorosa-Mente

La mia mente è sempre in movimento, gira gira gira... e poiché zitta non riesco a stare, almeno devo scrivere!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: